• fiera-cuneo-sposi-2017-borgo-san-dalmazzo-bg
  • wedding-day-foto-barbara-ristorante-cacciatori-verolengo-bg
  • pubblicita-fiere

I gioielli delle nozze: non solo fede...

Pubblicato il . Postato in La Rubrica di Daniela

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Le fedi sono il simbolo del matrimonio per eccellenza; con il loro scambio, culmine della cerimonia sia religiosa, sia civile, la coppia si promette amore eterno davanti a parenti e amici.

Usate fin dall'epoca cristiana, venivano indossate nell'anulare perché era credenza diffusa che questo dito fosse percorso da una vena collegata direttamente con il cuore. Nel 1700 nasce invece l'usanza di incidere i nomi degli sposi e la data delle nozze all'interno della vera.

Essendo un dono reciproco tra gli sposi sarebbe bene sceglierle insieme, anche se il galateo suggerisce che sia lo sposo ad acquistarle. Le possibilità di scelta sono abbastanza ampie. Le fedi nuziali classiche sono in oro bianco, giallo o in platino, il più resistente tra i metalli simbolo di un legame forte e duraturo. Per la sua sobrietà la fede in platino è particolarmente gradita agli uomini. I modelli più diffusi sono la fede tradizionale mezza tonda, la francesina tonda e sottile, la fede a fascia larga e ad arco ribassato, la fede piatta. Scelta meno sobria ma altamente simbolica è quella delle fedi con diamante incastonato. Ci sono diversi orafi che possono realizzare fedi su disegno personalizzato anche utilizzando oro riciclato da vecchi gioielli che non si usano più. Come portarle: la tradizione vuole che vengano presentate in Chiesa da un testimone o da un paggetto. Solitamente viene utilizzato un cuscinetto dalle forme ovali o rettangolari, realizzato con il tessuto dell'abito da sposa e con inserti di pizzo. Ogni coppia però può giocare con la fantasia utilizzando materiali moderni o 'di stagione' come la lana di inverno.

E ora una domanda nasce spontanea. Ma oltre le fedi la sposa può indossare altri gioielli? La risposta è affermativa a patto che si rispettino alcune regole di bon ton. Partendo dal presupposto che la sposa è la protagonista e deve brillare in maniera naturale, è obbligatorio evitare gioielli troppo vistosi, colorati e sfarzosi; niente anelli affinché le mani siano libere di ricevere la fede nuziale; se si desidera indossare degli orecchini, questi devono assolutamente essere piccoli ed abbinati ad un'eventuale collana (il girocollo sottile in platino o oro bianco va portato con piccoli orecchini di diamante; con l'intramontabile filo di perle si alla monachina di perle e ai bottoni di brillanti).

Nel passato era tradizione indossare un antico anello di famiglia, donato qualche giorno prima delle nozze dalla futura suocera alla sposa, che entrava in questo modo 'di diritto' a far parte della nuova famiglia impegnandosi a perpetuarne la discendenza.

Al giorno d'oggi, si è ormai perduta questa tradizione e sono ormai quasi del tutto scomparsi i gioielli di famiglia, ma è ancora diffusa l'usanza di donare alla sposa un gioiello che assume ancora lo stesso significato. In questi caso il prescelto è solitamente un anello di fidanzamento, quasi sempre il famoso solitario con pietra di brillante, emblema di un vincolo di amore eterno. Lo sposo che optasse per una scelta differente deve sapere che ogni pietra ha un suo significato: il rubino è simbolo di devozione e rispetto, lo smeraldo di speranza, lo zaffiro di imperituro amore.

Ma l'anello di fidanzamento non è l'unica soluzione possibile, lo sposo può regalare anche una parure completa o rivolgersi ad un artigiano orafo in grado di disegnare e realizzare gioielli esclusivi.

Daniela Vignetta - Chicchi d'Arancio Wedding Planner

Votazione Globale (0)

0 su 5 stelle
  • Nessun commento trovato

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
I tuoi commenti sono soggetti a moderazione da parte degli amministratori.

Ultimi Fornitori

Ultime Discussioni

Sprawdz popularne zestawienie z pozyczkami przez internet na www <...
Sprawdz najlepsze zestawienie z chwilowkami przez internet na blogu &...

Riviste Cataloghi

  • gruppo-ci-due-catalogo-banner-2017-240
  • gruppo-ci-due-catalogo-2017